The page you're viewing is for Italian (EMEA) region.

The page you're viewing is for Italian (EMEA) region.

Società di telecomunicazioni a un bivio con l'infrastruttura per i veicoli autonomi

Eric LeCalvez •

I veicoli collegati sono una delle grandi opportunità per aiutare l'industria delle telecomunicazioni a recuperare ingenti investimenti nelle reti 5G.

Tuttavia, il verdetto è ancora incerto: il 5G costituirà una parte fondamentale dell'ecosistema veicolo autonomo? Le telecomunicazioni sono destinate a perdere un enorme flusso di entrate potenziale?

Le auto collegate sono già sulle strade, ma avranno bisogno di una rete 5G?

Gartner stima che entro il 2020, le auto collegate e circolanti saranno 250 milioni. Anche se potrebbero non essere le auto senza conducente viste nei film di fantascienza, avranno connessioni wireless in grado di supportare alcuni processi di guida automatizzata, infotainment e telematica per migliorare la sicurezza stradale.

Pur avendo appurato che le auto collegate saranno parte del nostro futuro, abbiamo assistito a un acceso dibattito sul modo in cui questi veicoli autonomi parleranno tra di loro e con le infrastrutture che li circonderanno.

Le case automobilistiche che giocano in casa sono, tra le altre, Renault, Toyota e Hyundai che privilegiano un sistema veicolo-veicolo (V2V). Si tratta di una tecnologia a corto raggio che utilizza una banda di frequenze esclusiva per la comunicazione tra autovetture. I sostenitori di questa tecnologia sostengono che è già disponibile, quindi non ci sarà alcun ritardo nell'introduzione di veicoli con caratteristiche di sicurezza connesse alle nostre strade.

Poi c'è la "squadra ospite", ovvero i protagonisti delle telecomunicazioni, al fianco di case automobilistiche come Volkswagen e BMW. Questo gruppo è favorevole a un sistema cellulare a lungo raggio, in cui le automobili condividono le onde radio insieme ai segnali della telefonia mobile e ad altro traffico di dati.

Chiaramente, per le società di telecomunicazioni, esiste un interesse personale in questa seconda opzione. Come discusso in precedenza, gli investimenti nelle prossime reti 5G hanno richiesto un enorme CapEx e le società di telecomunicazioni hanno bisogno di una forte strategia di monetizzazione.

Tuttavia, l'argomento della connettività cellulare a lungo raggio non si limita al solo "riempimento della rete". Per capirlo abbiamo bisogno di esplorare in modo un po' più dettagliato il caso d'uso per i veicoli collegati.

Il V2V consentirà ai veicoli di parlare tra loro, permettendo alle automobili di avvicinarsi molto di più sulle strade, sincronizzando le reazioni per evitare incidenti. Tuttavia alcuni condividono un obiettivo più ambizioso, secondo il quale i veicoli dovrebbero essere in grado di comunicare con le infrastrutture vicine e con i pedoni. Questo aggiunge una nuova dimensione ai modi in cui l'automazione può ridurre gli infortuni e i decessi sulle strade. Ciò significa anche che il flusso di traffico sarà migliorato tenendo traccia delle reti di veicoli al fine di determinare gli itinerari meno congestionati.

Questi impieghi sono noti collettivamente come "da veicolo a tutto" (V2X). La funzionalità necessaria per abilitarli dipenderà dall'installazione delle reti mobili 5G. V2X sarà più lento di V2V, ma in ultima analisi più olistico in termini di creazione di un sistema stradale più intelligente e sicuro.

Esiste una via di mezzo?

La Commissione europea dovrebbe annunciare quale tecnologia preferisce per i collegamenti veicolari in autunno. Finora, i funzionari hanno insistito sul fatto che la legislazione rimane "neutrale dal punto di vista tecnologico", richiedendo ai produttori di realizzare sistemi che funzionino sia con il Wi-Fi che con la rete 5G.

Alcuni nel settore delle telecomunicazioni sono ancora preoccupati che la legge dia la preferenza al Wi-Fi, ritenendo che in tal modo verrebbe a cadere una parte fondamentale del loro incentivo ad investire nella tecnologia 5G. Tuttavia, dato che l'obiettivo più ampio della funzionalità V2X è supportato da molte case automobilistiche leader e da società di telecomunicazioni, un ruolo per il 5G sembra inevitabile.

Il settore delle telecomunicazioni dovrà muoversi velocemente ed essere audace se vuole cogliere l'opportunità che si presenta con i veicoli automatizzati. Tuttavia, le nuove applicazioni possono essere supportate solo se esiste già un'infrastruttura. Questo è il motivo per cui coloro che lavorano nelle strutture e nei data center giocheranno un ruolo fondamentale in quanto le aziende di telecomunicazioni cercano di posizionarsi come spina dorsale della rete di auto collegate.

Quando si tratta di un'auto collegata al V2X, le prestazioni della rete e del data center sottostante possono essere letteralmente Life-Critical (uno dei 4 Archetipi dell'edge definiti da Vertiv). Alla luce di tutto ciò, le aziende di telecomunicazioni alla ricerca di un ruolo nel campo delle automobili connesse devono appoggiare le infrastrutture critiche per sostenere la proposta di servizio V2X. Per i manager di strutture che stanno cercando di supportare questa evoluzione del business, ecco alcuni punti chiave da prendere in considerazione:

Riduzione della latenza con la rete 5G

La promessa del V2X è quella di rispondere in modo automatico alle situazioni di rischio, riducendo incidenti, lesioni e decessi. Tuttavia, se l'orchestrazione della rete fallisce al momento critico, la funzione principale di questi sistemi viene a mancare e la vita delle persone viene messa a repentaglio. Fortunatamente la bassa latenza è uno dei punti di forza di una rete 5G. Per ottenere questo risultato, le società di telecomunicazioni devono avvicinare l'elaborazione all'infrastruttura stradale, che attualmente è spesso un punto cieco dei dati. Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso una rete di data center edge.

Sicurezza dei veicoli collegati

La sicurezza è un'altra preoccupazione fondamentale, poiché ogni veicolo collegato diventa un nuovo endpoint, che potrebbe aprire la rete alle minacce. Questo è il motivo per cui le flotte di auto collegate devono essere protette da hacker e malware. In Europa, la European 5G Infrastructure Public Private Partnership (5GPPP) ha raccomandato che le società di telecomunicazioni investano in tecnologie di sicurezza standardizzate, tra cui lo slicing delle reti, la microsegmentazione e lo spazio MTC per rafforzare la protezione contro le minacce.

Analisi dei dati di auto autonome

La raccolta e l'analisi dei dati saranno parte integrante dell'economia automobilistica connessa. Per i produttori, l'analisi dei dati aiuterà a "trasformare l'esperienza del cliente e creare nuovi servizi", secondo Mark Fields, CEO di Ford. Per le amministrazioni locali, questi dati possono contribuire a migliorare il flusso e la sicurezza del traffico.

I data center devono fornire l'infrastruttura di base per gestire i maggiori requisiti di calcolo e storage che le auto collegate genereranno. Dagli alimentatori AC e DC ai server, ai rack, agli switch, allo spazio, alla potenza, al raffreddamento e alla gestione remota, ogni elemento del data center deve funzionare al meglio e con la capacità più avanzata per consentire un'analisi significativa dei dati, la maggior parte della quale deve avvenire in tempo reale. Inoltre, sia le funzioni di telecomunicazioni che quelle dati devono essere integrate il più densamente possibile nel "regno" attualmente occupato dalle telecomunicazioni, in modo da poter essere amalgamate nel panorama di rete esistente.

Con la rete 5G, le auto collegate offrono una grande opportunità di mercato per le società di telecomunicazioni che cercano di ritagliarsi nuovi flussi di reddito e garantire la loro rilevanza al di là del mero trasporto dei dati. Tuttavia, in questo caso, a una grande opportunità si accompagna una grande responsabilità. L'infrastruttura non è mai stata così critica ed è per questo che i team di I&O si troveranno al centro di questo processo.

Per saperne di più su come Vertiv aiuta fortemente gli operatori di telecomunicazioni con le loro reti, l'accesso e i siti core in tutto il mondo, contattatemi.

Articoli correlati

Login dei partner

Lingua & Ubicazione