The page you're viewing is for Italian (EMEA) region.

The page you're viewing is for Italian (EMEA) region.

  I data center a prova di pandemia offrono speranza per il futuro

Andrew Donoghue •

Questo blogpost è il primo di una nuova serie che tratterà le ultime ricerche di mercato e approfondisce il report dell’Uptime Institute su come il settore dei data center si sta preparando per le future pandemie.

Il proverbio “spera per il meglio, pianifica per il peggio” è particolarmente adatto al settore dei data center in questo momento.

Gli investimenti in nuove infrastrutture di data center sono spesso basati su un approccio ottimistico alla domanda tecnologica futura, ma gli operatori sono anche estremamente pragmatici quando si tratta di prevenire i tempi di inattività.

Indipendentemente dalla causa (apparecchiature difettose, criminali informatici o interruzioni di corrente a livello di rete), l’investimento in infrastrutture resilienti, unito a rigorose pratiche operative, deve garantire che il sistema rimanga in funzione o, nel peggiore dei casi, si spenga per il minor tempo possibile.

Purtroppo, come sottolinea la recente pubblicazione della ricerca Post Pandemic Data Centers di Uptime Institute Intelligence, molti operatori sono stati in gran parte presi alla sprovvista dalla pandemia Covid-19.

Anche se negli ultimi mesi sembra esserci stato un numero relativamente limitato di esempi (pubblici) di tempi di inattività correlati alla pandemia, quest’ultima ha esercitato una pressione aggiuntiva su tutto, dalla progettazione e costruzione dei data center alle catene di approvvigionamento e al personale.

Preparazione dell’infrastruttura del data center per le future pandemie

In particolare, gli operatori più attenti si sono anche resi conto che la pandemia non dovrebbe essere considerata come un incidente isolato; la pianificazione e i processi della pandemia devono ora essere integrati nelle strategie di resilienza dell’infrastruttura del data center.

Oppure, come spiega Uptime: “COVID-19 non sarà quasi certamente l’ultima pandemia, potrebbe essere solo una delle tante. Gli operatori, pertanto, non stanno apportando questi cambiamenti in risposta alla COVID-19, ma in previsione di future pandemie”.

Quindi, quali sono i cambiamenti correlati alla pandemia nello specifico? Uptime li suddivide in tre fasi presenti e future. La prima fase è la “reazione” e descrive le prime settimane o mesi e le azioni di emergenza intraprese dagli operatori dei data center. Ad esempio, riducendo i numeri del personale in loco o introducendo regimi di pulizia rigorosi.

La fase successiva è la mitigazione e riguarda lo stato attuale in cui si trova attualmente la maggior parte degli operatori: secondo Uptime, i processi stabiliti nella fase reattiva sono diventati azioni da portare avanti.

Anche se queste due fasi iniziali sono state importanti per ridurre gran parte dell’interruzione iniziale dovuta alla pandemia, la terza e ultima fase è probabilmente la più importante e indicativa della direzione futura.

Reazione, mitigazione e adattamento

Come afferma Uptime, la “fase di adattamento” è ciò che il settore dei data center dovrà affrontare nei prossimi 18 mesi e oltre; il virus sarà stato ampiamente contenuto (speriamo) e l’attenzione sarà ora rivolta a minimizzare l’impatto delle future pandemie.

La fase di adattamento riguarda una serie di cambiamenti tecnologici e operativi, alcuni dei quali erano già in atto prima della pandemia, la cui adozione accelererà man mano che sempre più operatori si renderanno conto della minaccia di future pandemie.

Ad esempio, Uptime, insieme ad altre aziende del settore (compresa Vertiv), ritiene che ci sarà un aumento nell’adozione della tecnologia di monitoraggio da remoto e automazione, inclusi gli strumenti di gestione dell’infrastruttura del data center (DCIM). Il novanta percento degli operatori intervistati da Uptime ha dichiarato di voler aumentare l’uso del monitoraggio/gestione da remoto. Stando a Uptime, “…la pandemia porterà a un aumento delle attività per i vendor di DCIM, monitoraggio e automazione”.

Da DCIM a Data center modulari e prefabbricati

Oltre agli investimenti nel monitoraggio e nella gestione da remoto, ci sarà un aumento generale degli investimenti sia nella resilienza locale del sito che nella cosiddetta resilienza distribuita. Secondo Uptime, il 64% degli operatori prevede di aumentare la resilienza delle infrastrutture a causa della pandemia. Tuttavia, consapevole del fatto che una pandemia futura potrebbe impedire l’accesso a un intero sito o portare a interruzioni di corrente localizzate, l’interesse sta crescendo anche nel tipo di zone di disponibilità sviluppate da grandi cloud provider. In base a questo approccio, l’importanza di ogni singolo sito viene ridotta con dati e carichi di lavoro replicati e condivisi tra più sedi connesse.

Le altre tecnologie che Uptime ritiene saranno ancora più critiche in un mondo post-pandemico includono l’uso dei cosiddetti data center modulari prefabbricati (PFM). L’approccio, che Uptime afferma sia stato saldamente stabilito anche prima della pandemia, consente di eseguire la maggior parte del processo di costruzione in condizioni controllate in fabbrica. Allo stesso modo, anche la manutenzione predittiva, in cui un attento monitoraggio delle apparecchiature consente di eseguire l’assistenza quando necessario, piuttosto che secondo un programma prestabilito, stava prendendo piede prima della pandemia, ma sembra essere più diffusamente adottata man mano che operatori e fornitori cercano di controllare le visite ai siti e in genere introdurre servizi più intelligenti e guidati dall’intelligenza artificiale.

Quindi, anche se le conseguenze future della pandemia potrebbero rendere più difficile evocare pensieri fiduciosi sul futuro, o comunque sul prossimo futuro, sembra che il settore dei data center abbia già imparato molte lezioni preziose quando si tratta di pianificare il peggio.

Articoli correlati

Login dei partner

Lingua & Ubicazione