Sorry, this page isn't available for your location.

The page you're viewing is for Italian (EMEA) region.

Sorry, this page isn't available for your location.

The page you're viewing is for Italian (EMEA) region.

Un futuro luminoso: quali sono le prossime novità per il mercato in espansione dei data center?

Pietro Lambrecht •

Se i data center venissero scollegati, gran parte della vita moderna si fermerebbe o subirebbe gravi stravolgimenti. Nei casi più gravi il risultato sarebbe il caos. La produttività e i mercati azionari crollerebbero. Dati di importanza vitale sarebbero persi o bloccati. Le e-mail non sarebbero inviate. Le tue serie TV preferite non sarebbero più trasmesse. I lockdown si trascinerebbero più a lungo di quanto avviene a volte. Lavorare da casa sarebbe complicato.

È difficile esagerare l’importanza dei data center per la nostra infrastruttura nazionale. Nonostante ciò, per gran parte degli ultimi vent’anni circa, il settore dei data center ha avuto un profilo relativamente basso tra la maggior parte degli investitori. Il settore ha goduto di una reputazione solida ma piuttosto noiosa. (Non è giusto, lo so.)

Fortunatamente questa situazione sta cambiando. Il settore dei data center, che soddisfa una domanda apparentemente insaziabile di dati in streaming e basati sul cloud da parte di aziende e consumatori, si è avvicinato al mainstream degli investimenti. I data center “hyperscale” continuano ad aumentare per soddisfare la crescente domanda del mercato.

Gli investitori si sono concentrati nei mercati consolidati di Francoforte, Londra, Amsterdam e Parigi, o “FLAP” come vengono comunemente definiti, e negli Stati Uniti.

Come ha affermato un veterano dei data center: durante una recente tavola rotonda della conferenza a cui ho partecipato (la conferenza virtuale Kickstart Europe 2021, “Emerging Data Center Markets & Investments”), la pandemia ha “consolidato” l’infrastruttura digitale come “investimento fondamentale”.

La crescita e gli investimenti sono stati e saranno alimentati dall’edge computing. Secondo le previsioni della società di ricerca Gartner, entro il 2022 oltre il 50% dei dati aziendali sarà creato ed elaborato fuori dai data center o dal cloud, rispetto a meno del 10% del 2019.

Il consumo di terreno per la costruzione dei data center

La pandemia di Covid-19 ha aumentato ulteriormente la domanda di dati, poiché molti di noi sono stati costretti a lavorare da casa, a utilizzare le videochiamate invece di incontrarsi di persona e a consumare una quantità di intrattenimenti in streaming in continua crescita.

Il terreno su cui sviluppare i data center è prezioso. I ritardi nella costruzione dei data center causati l’anno scorso dalla pandemia hanno creato un arretrato di domanda e offerta per il mercato dei data center, soprattutto in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA). La necessità di implementare più rapidamente i data center aumenterà ulteriormente la domanda di data center modulari prefabbricati.

CBRE, una società di servizi e investimenti immobiliari commerciali, ha previsto che il 2021 sarà un anno record per le nuove forniture nel settore dei data center, con 400 MW (megawatt) già pianificati o in fase di pianificazione dello sviluppo.

Secondo il CBRE, nel 2021 Francoforte vedrà la maggiore quantità di nuove forniture, seguita da Londra e Parigi.

La concorrenza si sta intensificando e spinge al rialzo i costi dei terreni. Secondo CBRE, gli sviluppatori di data center sono in competizione con le aziende logistiche per le sedi principali, in quanto i retailer cercano di soddisfare un aumento della domanda di vendite al dettaglio online.

Mercati emergenti dei data center

Quali mercati di data center nella regione EMEA attrarranno più investimenti e cresceranno più velocemente?

Non sto cercando di scegliere dei vincitori nei mercati azionari e nei Paesi. Io non sono Warren Buffet.

Tuttavia, per almeno uno o due anni il mercato degli investimenti nei data center in EMEA sarà dominato da più tendenze differenti.

Tendenza uno: il mercato dei data center si sta diversificando

Il gruppo FLAP è ancora il mercato dominante, ma sta affrontando una concorrenza crescente da parte dei cosiddetti mercati “emergenti” o secondari in Europa orientale, tra cui Polonia e Russia, Europa sudorientale, ad esempio la Bulgaria, e Asia, inclusi Vietnam e Filippine.

All’interno dei vari Paesi, stanno emergendo e crescendo rapidamente mercati dei data center di nuove città, tra cui Berlino, Monaco, Amburgo e Stoccolma. Il successo di questi hub di data center in crescita dipenderà dalla loro latenza rispetto ai loro rivali più grandi. Inoltre, dipenderà dal fatto che le connessioni dati ultra-veloci e ultra-affidabili tra le città di provincia possono ridurre la necessità di costruire molti nuovi data center per soddisfare la crescente domanda.

Data center ecologici

Alcuni investitori possono voler guardare più lontano dall’Europa occidentale ed essere tra i primi a entrare in nuovi mercati con un buon potenziale, come in Asia e in parti dell’Europa orientale. Questa è stata una delle questioni di cui ho parlato alla recente conferenza Kickstart. (Desidero ringraziare i miei colleghi membri del comitato, tra cui: Arnoud de Ridder, Associate Director Infrastructure presso NIBC Bank, Frank de Frémery, che dirige lo studio di consulenza per data center presso AC Niellsen, una società di consulenza immobiliare, Mark Chester, partner specializzato in data center presso lo studio legale Eversheds Sutherland, e Nigel Clarkson, cofondatore di Stratus Data Centers.)

Tendenza due: normative in materia di ambiente

I proprietari di data center devono (giustamente) rispettare normative ambientali più severe in materia di emissioni di anidride carbonica e livelli di rumore. Per mantenere la sua rapida crescita ed essere un buon cittadino, il settore dei data center non deve solo rispettare le normative stabilite dalle autorità di regolamentazione nazionali e internazionali, ma anche alzare l’asticella stabilendo standard propri. Le iniziative volontarie del settore, come il “Climate Neutral Data Centre Pact” sottoscritto il mese scorso in Europa con cui provider di infrastrutture cloud e operatori di data center hanno concordato di rendere i data center europei neutrali per il clima entro il 2030, sono un passo nella giusta direzione.

Tendenza tre: spiegare meglio il nostro settore

La terza grande tendenza è spiegare le implicazioni ambientali della crescita esponenziale dell’infrastruttura digitale e il modo in cui il settore dei data center sta cercando di bilanciare la soddisfazione della domanda con gli aiuti all’ambiente. Il settore dei data center deve migliorare il modo in cui spiega con un linguaggio semplice ciò che fa ai consumatori e agli investitori, la sua storia ambientale e come è diventato una parte essenziale dell’infrastruttura quotidiana per miliardi di persone.

Una domanda da 100 milioni di euro

Se ti venissero dati 100 milioni di euro da spendere quest’anno per le infrastrutture digitali, in che cosa li investiresti? Questa è stata la domanda finale per il nostro comitato alla recente conferenza Kickstart.

Le risposte spaziavano dall’investimento nei mercati secondari dei data center (da Varsavia a Barcellona e dalla Nigeria a Lisbona) all’infrastruttura delle stazioni base per l’implementazione delle reti mobili 5G.

La diversità delle previsioni di investimento è un segno di quanto sia vivace e vario il mercato dei data center in EMEA. Le tecnologie, tra cui l’edge computing e il 5G, e la crescente concorrenza tra città, Paesi e regioni sono destinate a far uscire i data center dall’ombra e a inserirli nei portfolio più performanti degli investitori.

Articoli correlati

Login dei partner

Lingua & Ubicazione