The page you're viewing is for Italian (EMEA) region.

The page you're viewing is for Italian (EMEA) region.

Una vista dall’Edge:
perché il data center del 2025 è importante per i nostri obiettivi tecnologici più ambiziosi

Tony Gaunt •

I primi esempi di data center risalgono all’inizio degli anni ’40, con l’avvento della rivoluzione informatica.

Come nel caso di qualsiasi altro dispositivo tecnologico di quei tempi, i data center erano enormi e inefficienti e fornivano approssimativamente la stessa potenza IT che oggi consumerebbe un calcolatore moderno. Arrivando ai giorni nostri, si sono evoluti in modo analogo della maggior parte della tecnologia: maggior potenza, più compatti e livelli irriconoscibili di efficienza.

Nonostante le incredibili modifiche di cui siamo già stati testimoni in questo settore, la più grande rivoluzione dei data center potrebbe essere davanti a noi e venir realizzata nei prossimi cinque anni.

Closer to the Edge

Nel 2014 Vertiv ha pubblicato un report che trattava il possibile aspetto dei data center del 2025. Cinque anni dopo, abbiamo deciso di effettuare un report intermedio per vedere se le previsioni sono state finora rispettate.

Dato che la tecnologia crea stravolgimenti e cambia a un ritmo molto rapido, fare previsioni accurate su ciò che sta emergendo sta diventando sempre più difficile. Il mondo dei data center non fa eccezione, il ritmo di tutti i nuovi sviluppi tecnologici che stiamo vedendo e il nostro rapporto intermedio lo confermano.

Il trend chiave emerso negli ultimi cinque anni è l’Edge, qualcosa che fu registrato come una piccolissima scossa, circa un livello pari a 0,2 sulla scala Richter dei data center, nel 2014.

Edge rappresenta l’accesso al punto di comodità per l’utente, in altre parole, i dispositivi connessi all’ecosistema del data center utilizzano le proprie risorse. Tradizionalmente, ciò include un router, interruttori di routing e desktop. Ora le cose sono un po’ più complicate: laptop, smartphone, tecnologia “indossabile” e molto altro sono tutti alimentati da data center e ciò cambia le carte in tavola.

La differenza chiave tra questi nuovi dispositivi è la mobilità. Non rimangono collegati a terra come un affidabile desktop o un router. Siamo costantemente in movimento e lo stesso dicasi per i dispositivi e le applicazioni su cui facciamo affidamento per svolgere il nostro lavoro e gestire il lato digitale della nostra vita personale.

Data center e panchine nel parco

Nel 2014, l’attenzione del settore era concentrata sulle architetture ibride in grado di sfruttare un mix di risorse aziendali, il cloud e la colocation.

Cinque anni dopo l’Edge è emerso come un segmento completamente nuovo; più della metà degli intervistati ritiene che il numero di siti Edge nella loro sede aumenterà di almeno il 100%. Un quinto prevede un aumento del 400 percento o superiore.

Sebbene il cambiamento nell’arco di cinque anni sia stato profondo, non deve essere considerato troppo sorprendente. Poiché i dati e le applicazioni si sono avvicinati all’utente finale e funzionano attraverso un’ampia gamma di dispositivi Edge piccoli e potenti, anche i data center, che portano avanti lo spettacolo, devono fare lo stesso.

In altre parole vedremo data center miniaturizzati in ogni dove, dai gap nella metropoli di Singapore al sostegno per i smart city drive, alle panchine del parco di Parigi che alimentano le applicazioni Internet Of Things (IOT).

Gli archetipi del tutto in tempo reale

Uno potrebbe sostenere “ma che fretta c’è?”. Molti dei dati che trattiamo ora non devono essere elaborati in tempo reale. Se inviate un’e-mail o una emoticon a qualcuno, non importa se la ricevono in quattro o otto secondi.

Anche se questo ritardo accettabile sarà normale per molte applicazioni, stiamo creando sempre più tecnologie che dipendono dall’elaborazione istantanea dai dati. I veicoli senza conducente, le merci ad alta frequenza e le operazioni di trading e persino le videoconferenze ne sono solo alcuni esempi.

In una ricerca separata, Vertiv ha identificato quattro archetipi edge evidenziando quali applicazioni richiederebbero l’infrastruttura Edge per essere efficaci: Uso intensivo di dati, Sensibili alla latenza umana, Sensibili alla latenza da macchina a macchina e Life Critical.

È facile vedere come i secondi o i microsecondi persi nel trattamento dei dati a questo livello potrebbero essere costosi in molti modi, dai costi strutturali in un business di servizi finanziari alle questioni vitali in un contesto sanitario.

Fasi successive per il CIO e il reparto IT

In generale, la ricerca non cambia troppo per il tipico CIO, responsabile IT o reparto IT globale. I trend generali dello sviluppo tecnologico, della mobilità, dell’IOT e tutto ciò che li accompagna sono ancora gli stessi.

In termini di infrastruttura IT, la maggior parte delle aziende sta già favorendo un mix di ambienti per gestire le loro attività. Un recente rapporto di 451 research ha indicato che oltre il 90 per cento delle organizzazioni in Asia Pacifico dispone di più ambienti cloud già in atto.

È fondamentale che Edge sia preso in considerazione in questo mix ibrido. Per le aziende, ciò potrebbe significare distribuire i data center Edge a filiali o siti remoti, garantendo che i dati che rientrano nel giusto archetipo siano elaborati in sede e che non si faccia affidamento su un data center o strutture di colocation a chilometri di distanza. Questo è particolarmente importante in Paesi come l’Australia, dove queste distanze possono essere enormi.

Per le organizzazioni governative, potrebbe significare che l’infrastruttura Edge supporta le applicazioni IOT e smart city, garantendo che l’esperienza utente prevista da queste applicazioni sia raggiunta.

Il perimetro e i centri di microdati necessari a supportare il problema non saranno la notizia da prima pagina sui giornali o sulla bocca di tutti in merito alla fase successiva della rivoluzione informatica, ma si tratta di una pietra miliare, e ciò deve essere riconosciuto dalle organizzazioni e dai leader che creano applicazioni ed esperienze Edge. In caso contrario, andremmo a sbattere contro l’Edge della nostra immaginazione più velocemente di quanto pensiamo.

Per saperne di più su come sarà il data center del 2025, leggi il rapporto completo su Data center 2025: Closer to the Edge

Iscriviti al nostro blog per ricevere tutti gli aggiornamenti sulle tendenze, le tecnologie e le notizie.

Articoli correlati

Login dei partner

Lingua & Ubicazione